Signs (2002)

Un film che ho riscoperto in DVD, dopo una visione cinematografica che mi aveva lasciato indifferente. L’ho riscoperto tra l’emozione di un sentimento e quella di una regia bellissima, come quella gambetta di alieno nel grano. Un’invasione strana, minuscola, perchè quei segni rappresentavano davvero le coordinate per l’attacco: “It’s called probing. It’s a military procedure. You send in a reconnaissance group, very small… to check things out. Not to engage, but to evaluate the situation… evaluate the level of danger. Make sure things are all clear.” “Clear for what?” “For the rest of them.” Minchia…