It’s Complicated (2009)

Delicatissima commedia romantica con la solita meravigliosa Meryl Streep (nella parte di una ex moglie di mezza età alle prese con l’ex marito, che però ha un’altra e quindi ora è il suo amante, mentre lei e il suo architetto… insomma, è complicato). Alec Baldwin (l’ex marito) è incredibilmente gonfio (non grasso, gonfio) ma resta comunque simpatico, per quanto l’ombra di se stesso. Steve Martin (l’architetto) personalmente non lo trovo mai credibile come attore, e questo film non fa eccezione: vedi solo Steve Martin sullo schermo, mai il suo personaggio. Bellissima commedia sull’amore e la mezza età nella società del divorzio facile e del viagra, diretta con brio dalla brava Nancy Meyers. Si ride (molto), vengono i lucciconi (meno) e il film scorre allegro e sereno per due ore che fanno bene all’umore.

The Pink Panther (2006)

Ecco la conferma – casomai che ne fosse il bisogno – della grandezza inarrivabile di Peter SellersBlake Edwards. Qui ci riprovano mettendocela tutta, e Steve Martin è sicuramente dignitoso, rispetto per esempio al patetico – malgrado la regia dello stesso Edwards – tentativo di Benigni. Ma è comunque inevitabile che un film del genere si vada a schiantare contro il muro del passato, e di un mito che è impossibile anche solo da avvicinare. Il film a tratti è anche carino, ma i momenti di spasso e arguzia degli orginali rimangono ben lontani. Alla fine hai quel sorrisetto (o è una smorfia?) e vorresti metter su un DVD di Peter Sellers per riappacificarti col mondo.