Gattaca (1997)

Questo stilosissimo e intenso film, di piena ispirazione biopunk, firmato Andrew Niccol, è uno di quei capolavori di cui alla fine si è sempre parlato poco, e non si capisce perchè. In un futuro più o meno prossimo – scenografato alla grandissima fondendo tecnologia e modernismo anni ’50 – il livello sociale di ogni individuo viene definito in base alla purezza del suo DNA. Alla faccia delle leggi razziali, siamo in piena eugenetica: il tema della discriminazione è in realtà solo un acceleratore per lo svilupparsi del film, e viene trattato in modo sufficientemente superficiale da non diventare pesante. Di pura ispirazione tech-noir le varie sotto-trame poliziesche, che si intrecciano a momenti d’amore in un crescendo perfetto fino al fatidico viaggio nello spazio, che comunque non vedremo. Un capolavoro, dicevamo, recitato benissimo da Ethan HawkeJude Law, e da una Uma Thurman bella come non mai. Da riscoprire, rivedere, e mettere in cassaforte.

Vincent: A year is a long time.
Irene: Not so long. Just once around the sun.

Pulp Fiction (1994)

Any of you fucking pricks move, and I’ll execute every motherfucking last one of ya! Ecco come inizia un capolavoro. Tarantino porta alle estreme conseguenze la sua idea di cinema, e raggiunge con questo film livelli che – piaccia o meno – non toccherà mai più. Pulp Fiction è talmente perfetto da infastidire. Un’opera in cui nulla è lasciato al caso, che fa gridare di gioia quando alla fine riunisci e colleghi tutte le tessere del puzzle. John TravoltaSamuel L. JacksonUma ThurmanHarvey KeitelTim RothAmanda PlummerRosanna ArquetteChristopher Walken, Ving Rhames Bruce Willis rappresentano un cast mai visto prima, capace di riunire volti emergenti con personaggi considerati bolliti e lasciarli galoppare a spasso per una sceneggiatura miracolo, in cui salti temporali e flashback esaltano il fascino maledetto dei loro personaggi. Vincent Vega, Jules Winnfield, Mia e Marsellus Wallace, Pumpkin e Hunnybunny, Mr. Wolf sono tutti personaggi che sono entrati di diritto nella storia del cinema attraverso questo film cattivo, assurdamente violento, irrispettoso, blasfemo e in alcuni passaggi al limite del trash. Pulp Fiction è il film da cui Tarantino non si riprenderà mai più perchè irripetibile. Da vedere per centomila motivi o, come scrive PJ, anche solo per amore del cinema.

The Avengers (1998)

Oddio, questo brutto film forse sarebbe pure guardabile in una sera di pioggia se hai la macchina dal meccanico e se proprio non hai di meglio da fare se fosse un film a se stante. Invece hanno voluto strafare, commettendo l’errore di ricondurlo forzatamente ad una serie TV, e non certo una serie TV qualunque. Ma aimè questo Avengers non riesce ad avere nessun punto di contatto, ad eccezione dei nomi dei personaggi, con la serie culto di fine anni ’60. I poveri Uma ThurmanRalph Fiennes, che pure ci hanno abituati a prove di livello, sono spaesati, persi in una sceneggiatura sgangherata e sommaria che non va mai da nessuna parte. Malgrado il mega-budget questo filmaccio non arriva nemmeno per un attimo vicino ai livelli di splendore dell’originale. I protagonisti di allora, Patrick Macnee (Steed) e la meravigliosa Diana Rigg (Emma Peel), dovrebbero presentare una denuncia per scempio. Non commentiamo per decenza la presenza di Sean Connery. Da dimenticare.